Caricamento Eventi

« Tutti gli eventi

  • Questo evento è passato.

Antonija Pacek, pianoforte

Antonija Pacek, pianoforte

13 aprile 2018 | 19:00 - 21:00
Roma - Teatro di Villa Torlonia, Via Lazzaro Spallanzani 1A

biglietti su https://www.vivaticket.it//ita//tour/antonija-pacek/2034

 

Antonija Pacek, pianista romantica con un debole per il minimalismo, definita dalla stampa tedesca “la risposta femminile a Ludovico Einaudi” (Leipziger Volkszeitung, 2014), è per la prima volta in Italia con un tour di quattro date.

Così il comunicato stampa:

Alcuni la chiamano grande musica per il cinema, altri la chiamano neoclassica, altri ancora ritengono che non necessiti di parole per essere interpretata. Aldilà di ogni etichetta e classificazione, le composizioni scritte ed eseguite da Antonija Pacek, romantica con un debole per il minimalismo, si collegano sicuramente alle emozioni più profonde dell’ascoltatore. Ad aprile, per la prima volta in Italia, sarà possibile condividerle dal vivo perché arriva per un tour di quattro date la pianista definita dalla stampa tedesca “la risposta femminile a Ludovico Einaudi” e “bella come un gioiello radioso” con concerti che partiranno da Roma il 13 aprile (Teatro di Villa Torlonia), per toccare Milano (Teatro Dal Verme, 14 aprile), Verona (Teatro SS. Trinità, 15 aprile) e Torino (Circolo dei lettori, 16 aprile).

Cresciuta in Croazia, laureata in Inghilterra (Cambridge) e operativa in Austria (Vienna), Antonija – che ha sentito il pianoforte come il suo strumento più intimo fin da piccola – ha pubblicato due album dei quali proporrà nei suoi concerti italiani una selezione accurata.

Il primo, Soul Colours (2014), un distillato della ricerca di tutta l’esperienza vissuta che esprime in forma immediata e veritiera la sua anima, è stato al quarto posto in classifica sulla chart classica di iTunes in Germania, e l’unico, nella top 50, ad essere stato composto da un’artista femminile. Il più recente, Life Stories, pubblicato nel giugno 2017, è una vera e propria celebrazione alla vita in tutte le sue complessità e intensità: un lavoro che colpisce in profondità modulando i sentimenti del fruitore, ricolmo di idee meravigliose e mai scontate che in alcuni tratti può rimandare addirittura allo stile nymaniano.

Un intreccio compositivo, quello a cui si ispira e che produce Antonija, che segna l’eterno conflitto tra le grandi perdite e i viaggi della felicità, attraversando itinerari di amore e gioia vitale. Il modo in cui tocca i tasti del pianoforte è particolarmente sognante, più vicino al pop fine rispetto alla musica classica, condito dalla piacevole facilità e scorrevolezza in un’atmosfera che produce un senso di indiscusso benessere. Compositrice dall’età di sei anni (il suo primo brano Tamed Courage è raccolto nel suo primo album), Antonija Pacek spinge le sue creazioni ogni volta più lontano, senza la pretesa di rivolgersi ad una nicchia perché, nonostante la complessità strutturale, la sua musica arriva direttamente, indistintamente ed emotivamente a tutte le generazioni.

cenni biografici

Nata in Croazia, Antonija Pacek inizia le lezioni di pianoforte presso all’età di sei anni. Da allora il suono del pianoforte è più che amore a prima vista, trasmesso alla bambina tramite le finestre aperte dell’edificio fin dalle passeggiate quotidiane da e per la scuola materna.

All’età di undici anni compone la sua prima canzone, Tamed Courage, successivamente inclusa dopo molti anni nel suo album di debutto, Soul Colours.

La spensierata vita da adolescente di Antonija viene però presto interrotta dalla guerra: ha solo 17 anni quando la città è bombardata per la prima volta. Una serie di fortunate coincidenze la portano a ricevere una borsa di studio di lavoro presso un’università americana a Vienna per studiare psicologia, il suo secondo interesse. Qui si laurea con il massimo dei voti in tempo record e viene ammessa presso l’Università di Cambridge per continuare con programma di master.

In questo periodo, all’età di 21 anni, sposa l’amore della sua vita conosciuto all’epoca del liceo e che la rende successivamente madre di tre bellissime fanciulle.

Proprio all’università di Cambridge inizia a coltivare seriamente la sua passione musicale, dopo aver scoperto un pianoforte a coda in una delle sale: è lì che si intrufola a suonare nei suoi rari momenti di tempo libero. Da quel momento compone oltre 70 composizioni.

Una volta laureata con la specializzazione in “Investigation of Human Development”, inizia ad insegnare con successo psicologia presso diverse Università di Vienna.

Per anni lavora come consulente per le risorse umane presso Hewitt Associates e il Center for Creative Leadership, fornendo consulenza in soft skills all’interno di varie organizzazioni.

Nel 2013 firma un contratto con l’etichetta Autentico Music in Germania pubblicando, l’anno successivo, il suo primo CD, Soul Colours, che riceve molte recensioni positive da vari giornali e riviste tedesche. La critica tedesca ne definisce la musica e l’arte compositiva “bellissima, come un gioiello radioso”, “una risposta femminile a Ludovico Einaudi” e “simile a Erik Satie e al concerto di Colonia di Keith Jarrett”. L’album arriva al quarto posto nelle classifiche di musica classica di iTunes in Germania, e nel 2015, Antonija firma un contratto con Warner Chappell, ramo editoriale di Warner Music, per Soul Colours.

Del giugno 2017 è il nuovo album, Life Stories, una completa celebrazione della vita in tutte le sue sfaccettature sentimentali. “Sia che tu sia felice o pervaso dalla tristezza – ha commentato Alison Joyce – quando ascolti questa bella collezione di composizioni uniche, sicuramente il tuo cuore sarà colpito nel profondo. Antonija dimostra una autentica passione nel suo modo di suonare, lasciando che lo spettatore si abbandoni alla magia e si compenetri con la vita.”

Nello stesso anno Antonija si rivolge alla musica pop e collabora con il dj Roberto Bedross che produce il suo singolo, Ecstasy. Bedross è noto per il suo remix de Una mattina di Ludovico Einaudi per il quale ha ottenuto due milioni e mezzo di visualizzazioni su youtube. Ecstasy, di cui Antonija ha scritto testi e musiche, è cantato da Barbara Kier ed entra nella top 10 della EDM charts in Polonia. Del brano è stato anche realizzato un video molto popolare, prodotto da Chiwa Media. Ecstasy è stato inserito anche all’interno dell’album “Life Stories”, in questo caso eseguito come genere “cross-over” esclusivamente per pianoforte. http://antonijapacek.com/