Katharina Anna Loidl – PANOPTICON – inaugurazione mostra

Katharina Anna Loidl espone a Firenze il risultato della propria residenza artistica presso Le Murate, centro di produzione artistica e di scambi internazionali ospitato negli spazi restaurati dell’ex carcere di Firenze. Decisivi per la vincita dell’artista austriaca “l’alta qualità del suo percorso artistico e del progetto esposto, pertinente alle finalità del bando e alla specificità del luogo” (direzione artistica Le Murate).

Punto di partenza dell’installazione site-specific è il peculiare assetto architettonico del luogo, che riflette la struttura carceraria ideata dal filosofo e giurista Jeremy Bentham nel 1791: il Panopticon. Il termine affonda le proprie radici nella mitologia greca, in cui Argo Panoptes, gigante dai cento occhi, era considerato il guardiano per eccellenza. L’ex carcere maschile è stato progettato seguendo la planimetria del Panopticon, ovvero in modo tale da permettere a un unico sorvegliante di osservare da una torre centrale tutti i detenuti, senza che essi sappiano se in quel momento si trovano o meno sotto gli occhi della guardia carceraria.

Con il proprio progetto artistico, Katharina Loidl attinge a queste suggestioni rievocando il concetto di osservazione, traslato in termini contemporanei. L’artista austriaca crea un legame tra il Panopticon e il controllo cui quotidianamente ci sottoponiamo tramite l’uso costante della tecnologia, che ci espone costantemente a uno spazio dove non esistono confini della sfera privata. Come il carcere, il web viene percepito quale  “luogo altro”, uno spazio nuovo, che Michel Foucault definirebbe eterotopico, in quanto realtà che risponde a “quegli spazi che hanno la particolare caratteristica di essere connessi a tutti gli altri spazi, ma in modo tale da sospendere, neutralizzare o invertire l’insieme dei rapporti che essi stessi designano, riflettono o rispecchiano” (Foucault M., Le parole e le cose. Un’archeologia delle scienze umane, 1963).

video dell’inaugurazione: http://justbeautiful.it/it/panopticon-privacy-e-liberta/

Il progetto è realizzato con il sostegno della Regione Toscana e del Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci nell’ambito del progetto regionale “Cantiere Toscana Contemporanea”.

Katharina Anna Loidl (1978) laureata con lode nel 2012 alla University of Art & Design Linz (Austria), ricercatrice e artista concettuale, dal 2009 realizza installazioni e progetti site-specific combinando scultura, video e fotografia. Premiata con riconoscimenti e produzioni internazionali, Katharina Loidl è stata artist-in-residence a Berlino, Marsiglia, Berna (Stadtgalerie) e Algeri, in Indonesia (Sewon Art Space, Yogykarta) e Quebec (Sporobole-Centre en art actuel, Sherbrooke), ed ha realizzato progetti di arte pubblica in Austria. Sue opere sono state acquisite da istituzioni pubbliche e private in Austria e Canada.

http://lllk.at/